giovedì 25 giugno 2015

Erbe ed acque magiche nella notte di San Giovanni

Dipinto di Sophus Jacobsen

Ieri era il 24 giugno, una data significativa per il calendario cristiano perché corrisponde alla natività di San Giovanni Battista. Per la tradizione popolare del territorio in cui vivo, e dei monti Lessini, in particolare, questo giorno così vicino al solstizio d'estate, un tempo era data di incantesimi e prodigi legati al mondo vegetale. In questo periodo dell'anno la natura esulta e nella notte tra il 23 e il 24 giugno si credeva che le erbe selvatiche  assorbissero un potere speciale, perciò all'alba le donne si recavano nei prati e nei boschi a raccogliere fiori e foglie imperlati di magica rugiada per farne infusi  dalle proprietà benefiche per il fisico e la mente.

Dipinto di J. W. Waterhouse

Il giorno di San Giovanni si raccoglievano le noci giovani per fare il nocino. Si ponevano 19 noci tagliate in 4 parti con il guscio e la buccia verde a macerare in 350 g di alcol a 95°. La mattina seguente si aggiungevano 4 chiodi di garofano, cannella e scorzette di limone. Dopo una decina di giorni venivano aggiunti 500 g di zucchero sciolto in acqua calda. Infine si imbottigliava e trascorsi tre mesi  si poteva gustare il nocino.

In questa occasione si raccoglieva anche l'iperico (Hypericum perforatum), una pianta chiamata  Erba di San Giovanni, appunto.




Fin dall'antichità a questa piantina venivano attribuite virtù che sfociavano nell'arcano, tanto da meritare l'appellativo di cacciadiavoli o cacciastreghe .
Si mettevano a macerare per una settimana 5 manciate di iperico in olio d'oliva. Si aggiungeva poi un quarto di litro di vino bianco  e si poneva a bollire a bagno maria fino all'evaporazione dell'alcol. Si otteneva così un olio  di colore rosso che serviva durante l'inverno per lenire numerosi disturbi come  dolori reumatici, scottature ed infiammazioni.

Anche le acque si caricavano di virtù prodigiose durante la notte di San Giovanni. Le donne si alzavano prima dell'alba e si recavano nei campi  portandosi appresso delle pezzuole di cotone  che passavano sull'erba per raccogliere la rugiada. Gli stracci venivano strizzati e il liquido raccolto in un recipiente. Quest'acqua era aggiunta all'impasto del pane per favorire la lievitazione e come protezione contro  i malanni; inoltre era usata dalle massaie per lavarsi gli occhi ed attenuare le rughe.


Le antiche fontane sparse nei  borghi e nelle contrade catalizzavano l'energia vitale presente in questa notte misteriosa. Davanti ad esse gli sposi novelli si baciavano per propiziare la felicità coniugale, mentre le donne che avevano da poco partorito vi si recavano per bagnarsi in segno di rinnovamento.

Si credeva che le donne nate il giorno di San Giovanni fossero destinate a sviluppare doti divinatorie.

Dipinto di Waterhouse

Oggi le antiche credenze che vi ho descritto sono in gran parte dimenticate; tuttavia esiste ancora qualcuno che cerca di mantenerne la memoria.

In alcune parti della Lessinia la sera del 23 giugno si celebra la suggestiva Festa del Fuoco durante la quale grandi falò vengono accesi, mentre intorno le ragazze danzano in cerchio.
I montanari credevano che questi fuochi avessero il potere di scacciare gli spiriti maligni nascosti anche negli angoli più bui di stalle e granai.

Festa del fuoco a Giazza - foto quotidiano L'Arena

So di una signora molto anziana del mio paese che la mattina di San Giovanni mantiene l'abitudine di recarsi molto presto  nei campi a raccogliere la camomilla  e la malva bagnate di rugiada per farle seccare al sole estivo ed ottenere buone tisane.

Ed è stato proprio l'interesse per l'usanza di questa signora ad ispirarmi  un post sulle tradizioni della notte di San Giovanni, dalle quali sono sempre stata affascinata. Pensate che i suoi figli  non sapevano nemmeno perchè la madre di alzasse all'alba con l'unico scopo di raccogliere una manciata di erbacce!


E voi, amici, conoscete qualche rito legato a questa magica notte? Nelle vostre zone si accendono i fuochi?


Alla prossima!


Giorgia





12 commenti:

  1. Ciao Giorgia... qui da me niente fuochi, ma esiste l'usanza di raccogliere le erbe e di metterle a prendere la rugiada nella notte di San Giovanni... la mia vicina le mette sul balcone...
    sono bellissime queste tradizioni popolari...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono bellissime queste usanze. Per fortuna c'è ancora qualcuno che le fa vivere, come la tua vicina di casa.
      A presto

      Elimina
  2. No, anche da me non si accendono fuochi per la notte di San Giovanni però ho sentito che se si mette una brocca di vetro piena di acqua e la si lascia all'aperto la notte di San Giovanni, quell'acqua poi si può utilizzare come cura e linimento.
    Che bello questo post!!!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che questo post ti sarebbe piaciuto: parla delle tue amate erbe selvatiche;-)
      Baci!

      Elimina
  3. la notte di San Giovanni a Genova è " sacra". San Giovanni è il Patrono della città. Quando ero bimba in ogni quartiere si preparava la legna per il falò ed era stupendo, perchè era l'unica sera in cui noi bimbi di 8,9,10 anni potevamo uscire la sera....quartieri dove ci si conosceva tutti ed ognuno donava qualcosa...soprattutto il fruttivendolo, che regalava le cassette di legno! Ricordi meravigliosi, c'era una specie di " gara" tra vie vicine, per chi aveva il falò più grande!
    Il falò di San Giovanni è sempre stato tradizione cittadina, lo si è sempre fatto in centro, in piazza Matteotti: quest'anno invece non hanno fatto neppure quello: che tristezza, mamma mia! E cosa si sono persi i bambini in questi anni...
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che peccato che in una città antica e stupenda come Genova non si mantengano in vita queste vecchie tradizioni popolari... Davvero fa tristezza.

      Elimina
  4. Ciao Giorgia, molto piacere.
    Questo è il mio primo intervento nel tuo blog che già conoscevo.
    Scrivo per farti i complimenti: sono un appassionato del giorno di San Giovanni.
    Lo scorso anno ne parlai anche io:
    http://agricoltoreanacronistico.blogspot.it/2014_06_01_archive.html
    Questo è un giorno tanto importante nell'agricoltura, e così ricco di "rituali" da compiere.
    Anche quest'anno non abbiamo mancato di compierne alcuni, e questo ci piace sempre di più.
    Ciao, e grazie
    A.A.

    RispondiElimina
  5. Ciao Agricoltore! Mi fa Tanto piacere che tu abbia lasciato un commento e che conosca il mio blog. Sono un'appassionata di antiche tradizioni legate al mondo contadino. Ora vado a leggere il tuo post. Grazie, a presto!
    Giorgia

    RispondiElimina
  6. Che bello questo post! Anche io, quest'anno in particolare, ho cercato di "riscoprire" le tradizioni di San Giovanni e ho preparato il nocino... una cosa fatta sempre da mia nonna e, qualche volta, da mia madre... poi il tempo tiranno e il ritmo sempre più convulso della vita le hanno fatto accantonare questa pratica, da me riscoperta quest'anno. E' importante e arricchente ricordare e continuare a praticare questi piccoli riti stagionali, legati alla natura e all'agricoltura: quando tutto questo si sarà perso, avremo perduto anche una parte importante della nostra storia e della nostra essenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, le radici sono importanti!
      Grazie Sivia, a presto.

      Elimina
  7. Bellissimo post, qui da me niente di tutto questo...quante cose stiamo perdendo!
    buona estate
    Paola

    RispondiElimina
  8. Bellissimo post, qui da me niente di tutto questo...quante cose stiamo perdendo!
    buona estate
    Paola

    RispondiElimina